Simona Bellone

Viaggi

Il vento maldestro che corre oltre queste colline,
intraviste colorate dalle finestre dei miei traguardi.
Scompiglia il grano,
spettina i platani,
rigonfia i frutteti.
E’ sempre lui a farmi trattenere il respiro,
ad incrociare questi occhi stanchi di punti infiniti.
Ed in esso il segreto brillante del sole.
Il rullio sommesso dell’auto quasi scompare,
ma ritorna alla mente il malessere della terra.
Quanti cuori affranti dai problemi
di margherite non sfogliate,
di semi innaffiati e mai sbocciati alla vita,
di treni perduti nel tempo traditore,
di mille sogni infranti negli specchi,
di lame scagliate di color rosso fuoco…
Eppur, è sempre affascinante partire,
rifocillarsi la mente di avventure
e con la pace nel cuore,
riposar l’anima e conquistare,
ma altrettanto meraviglioso
è ritornar più gravidi di serenità
ed illudersi di poter cambiare
le rotaie sconnesse
sulle quali si trascina a stento il mondo.

V edizione anno 2006