Maria Pia Gambini

Ombre

La coperta della notte mi avvolge nel suo tepore.
La mia anima senza affanno si srotola, si distende,
si crogiola nei sogni.
Poter non esistere!
Cullarsi in sentimenti leggeri, incorporei,
che non feriscono, che non fanno male,
che cantano e incantano!
Ma la notte evapora ed io sono di nuovo allo scoperto.
Chi, cosa mi colpirà in questo nuovo giorno?
Fuggire…so che non lo farò.
Voglio essere padrona di ciò che mi spetta.
Fatevi avanti, dunque, miei tempi amari!
Quando mi lascerete io sarò ancora qui e riderò di voi.

III edizione anno 2002