Fabiano Braccini

Ritratto di signora

Dipingimi con tratto elegante
- tu che sai -
occhi intensi che mirano lontano
e un sorriso morbido,
soffuso lievemente di malìa.
Pittura nell’ovale del mio viso
- senza mai troppo marcare -
labbra che si atteggiano al bacio
e un filo appena di seduzione
che sia garbata, non volgare.
Disegnami un corpo armonioso
- come di sirena -
snello ma non proprio magro,
che sinuoso si adagi
a modellare la veste leggera.
Se vuoi, ritrai giù sullo sfondo
- con la tua maestria -
l’atmosfera più suggestiva
di una limpida sera di primavera
coi riflessi rosa del tramonto.
Alla mia mano, poi,
dai la posa di un saluto.
Che non sembri però un addio,
perché io vorrei lasciare
- a chi domani sosterà a guardare -
la migliore immagine di me:
una delicata sensazione
del mio amore di vivere la vita
e la percezione
di una interiore, pacata serenità.

VI edizione anno 2008