ALBA

La notte tremolante di stelle si dilegua
e il suo passo furtivo
desta il fine udito dei fiori;
si lava il viso
nella rugiada limpida il mughetto
mentre l’alba si afferma e si gonfia
come un palloncino rosa
in cui soffi un gigante nascosto
dietro le montagne.
La rugiada scesa anche sul mio capo
mi penetra nei pori e mi rinfresca
e il mio sangue ribolle dolcemente
come un gatto felice che fa le fusa.
E’ come se dai sogni dell’infanzia
sorgesse un messaggio di speranza
a ridar vita al mio cuore stanco.